banniere

A FILETTA :
Riferimenti cronologici

Ultimo aggiornamento della pagina : 17/07/2009


35 anni già ! Un percorso pieno di ostacoli, ma anche di notevoli incontri. Un percorso esemplare di cui ripercorrono i passi qui.



MV

Credito foto : © MV création

Da segnalare la pubblicazione di due documenti essenziali chi ritracciono la strada di A Filetta :

Prima, il documentario eccezionale " Trent'anni pocu, trent'anni assai" realzzato nel 2008 per "Ghjenti" di France 3 Corse da Cathy Rocchi.
Questa pellicola di 78 minuti è stata publicata da Harmonia Mundi in un coffanetto DVD contenendo anche un concert privato nell'Oratorio St Antonio di Calvi, un bonus video di 8 brani e anche un bonus di 8 brani audio (più detagli in pagina discografia).

trentanni

Un piccolo estratto : A Paghjella di l'Impiccati nell'Oratoire de Calvi.



E anche il mio libro, "A Filetta, Tradition et ouverture - De la polyphonie corse au chant du monde" publivcto nel 2009 da Colonna Editions (Ajaccio).

AFlivre

Nei quattro primi dischi : Machja n’avemu un'antra (1981), O vita (1982), Cun tè (1984) et In l'Abbriu di e stagione (1987), si disegna poco a poco lo stile di A Filetta con ritmi specifici e testi di molto poetici (Mare, Cun tè, O Vita).

Nel frattempo, molto attivo nel campo culturale, il gruppo è impegnato in un lavoro di ricerca sulla polifonia tradizionale in Balagna, ma anche altrove. Da questo è nato nel 1989, A u visu di tanti dove si sentono tradizionali polifonie sacre, come O Salutaris (u Mucale), Requiem (Rusiu), o profane (Paghjella di Tagliu), insieme con creazioni musicali molto diverse del passato (Anima, dove il gruppo utilizza strumenti tradizionali, come la cetera, la pivana o percussioni).

E' in questo disco che il gruppo effettua una prima svolta con una creazione polifonica (U Lamentu di Ghjesù), che si adatta perfettamente, soprattutto al livello della linea condutrice, nella tradizione orale isolana. Questo canto, che genera una intensa emozione, è ancora nel 2005 al repertorio del gruppo. A quel tempo, è in particolare a contatto delle confraternità che emerge la scrittura di canti sacri polifonici.

Per quindici anni, il gruppo si arricchirà dallo scambio con le altre tradizioni come quelle della Grecia, dell'Albania, della Sardegna e soprattutto della Georgia. "L'attuale corrente è passato molto forte con i georgiani. Appena hanno cominciato a cantare, abbiamo avuto la sensazione ch'essi restituiscono un immagine di noi stessi, è stato veramente sorprendente. Abbiamo trovato in loro gli stessi gesti, lo stesso modo di cercarsi nel canto. Infatti, dal punto di vista armonico, hanno una musica molto vicina alla nostra. Così noi abbiamo cominciato a cantare canzoni di Georgia e loro sono tornati dopo due anni, con canzoni nostre. Si sarebbe davvero detto ch'eravano cantanti corsi !. (...) Questi incontri mettono la nostra canzone nel suo grembo: sentendo cantare caucasici, albanesi, kabili, turchi, siriani, intendiamo cantare una parte di noi stessi.

(...) Abbiamo cantato notti intere con i Mongoli o gli Inuit senza scambiare una sola parola."

Nel 1992 viene rilasciato Ab Eternu, quasi interamente dedicato ai canti liturgici (Messa per i defunti, la Settimana Santa), ad eccezione di Sumiglia, composto in memoria di Ghjuvan Battista Acquaviva.

Nel 1994, è rilasciato l'album « Una Tarra ci hè ». Questo album è quello della maturità, con creazioni sia polifoniche (A Paghjella di l'Impiccati, U Lamentu di Maria), che con strumenti. Tutte queste creazioni sono di alta qualità.
Nel frattempo, U Svegliu Calvese decide di riprendere la tradizione della Settimana Santa in Balagna. A Filetta s'investe di nuovo nel 1993 per riprendere l'evento, riprendendo il processo avviato dieci anni fa. "Abbiamo bisogno di dare un volto più umano alla Passione: la storia di un uomo prima che quella del figlio di Dio."

Rilasciato nel 1997, Passione è un album dedicato ai canti della Passione, tradizionali o creazioni del gruppo. La minuziosa architettura delle voci, il lirismo drammatico e l'interpretazione impressionnante scacciano ogni pregiudizio per far posto solo alla universalità dell'arte. In questo album, in particolare degno di nota U Sipolcru e A Sintenza, due composizioni di Jean-Claude, Ghmerto, canto georgiano iconico e una nuova versione, più drammatica di quella di prima, di U Lamentu di Ghjesu. Nel 1998, il regista napoletano Orlando Forioso mette in scena La Passione. Questa ricostruzione in lingua corsa degli ultimi giorni della vita di Cristo si è svolta nella cittadella di Calvi da trenta attori volontari, accompagnati da A Filetta. La mostra è rieditata l'anno prossimo, il 3, 4 e 5 aprile 1999. La Passione ispira anche la Via Crucis inoltre presentata il 30 e il 31 marzo 2002 nella Cittadella. Questo percorso, punteggiato da testi presi in prestito dalla letteratura moderna (Borges, Primo Levi, Filippini) è diretto da Orlando Forioso e riprodotto specialemente per FR3 all'inizio di febbraio 2003, ed è stato teletrasmesso per la Pasqua dello stesso anno.


Medea


Il gruppo supera un nuovo importante traguardo: una sera nel mese di agosto 1995, durante un concerto nella cappella di Sant' Antone a Calvi, il gruppo incontra il giovane direttore di teatro Jean-Yves Lazennec. L'idea di una collaborazione è emessa, e pochi mesi dopo, ha preso forma un progetto di messa in scena di un antico testo: la Medea di Seneca. La creazione musicale è affidata al gruppo, che traduce il testo latino in lingua corsa. E il 12, 13 e 14 novembre 1997, A Filetta presenta al teatro di Bastia i cori di Medea. Jean-Yves Lazennec dicerà: "A Filetta offre qualcosa d'inaudito, del tutto nuovo e praticamente inclassificabile, che veramente non assomiglia  a quello che hanno fatto prima e dopo. Una tensione commossa tra il vicino e il lontano, al servizio di una terribile storia d'amore decaduta e di rigetto dello straniero, dove la creazione dell' artista illumina con stupore il presente."


medea
Foto : Jean-Marie Colonna


Bruno Coulais dicerà di questa composizione da sei voci: "si tratta di un UFO." Questa creazione, se prende la sua fonte nella memoria orale isulana, evoca anche altre tradizioni orali del bacino del Mediterraneo. Il gruppo, perfezionerà, ampliarà questa creazione, con estratti, nei concerti. Anche se è possibile ascoltare estratti in Intantu, l'integrale dei cori di Medea non sarà rilasciato su CD che nel giugno 2006.

lumio

Bruno Coulais

Nella sala, un certo Bruno Coulais, il compositore del film, è sbalordito e vuole incontrare con il gruppo che aveva già sentito in Lama. Egli dice nel film da Don Kent in onda su Arte e pubblicato su DVD: "Nulla è stato scritto. Jean-Claude aveva probabilmente tutto in testa, ed è assai sconcertante, perchè se la musica è trasmessa come nella tradizione orale, di creare un lavoro avendolo in testa, senza dover passare per la carta e cantando ogni riga ad ogni musicista, e poi riuscirci è veramente impressionante. "

Da questo incontro è nato prima - dal gennaio successivo - la colonna sonora del Don Juan di Jacques Weber, composta da Bruno Coulais su testi da Marcellu Acquaviva e cantata dal gruppo e su diversi pezzi dalla mezzosoprano Marie Kobayashi. Si tratta di un nuovo punto di svolta per il gruppo, la cui reputazione, già elevata, ora attraversa le frontiere per diventare internazionale. "Abbiamo sfacchinato molto, è stato un spartito a sei voci e bisognava cercar nota dopo nota sul pianoforte. Avevamo venti giorni per sviluppare le otto canti, ma abbiamo anche riso molto, soprattutto durante la sessione di prove da Tao in Calvi ", ricorda il gruppo (intervista con Bernadette Spagnoli per Corse hebdo). "Bruno ha preso rischi, ma ha confidato in noi immediatamente", dice Jose. E tre giorni prima della registrazione, il tutto era pronto.

Ascoltiamo Bruno Coulais (su Traxzone www.musiquedefilm.com)):

"L'incontro con il gruppo A Filetta è stato uno shock per me. Non solo un impatto musicale, ma uno shock umane: hanno una grande forza emotiva! In precedenza, ho lavorato con molti cantanti, tra cui Marie Kobayashi su Microcosmo e altri film. Ma ho scoperto il lavoro con le voci naturali, quelle voci sembrano provenire da lontano, eppure sono così contemporanee. La voce naturale è qualcosa che non diventi obsoleta, che dà la sensazione d'intemporalità.


Ero totalmente inconscio sul Don Giovanni. A quel tempo, i cantanti di A Filetta non leggevano la musica - hanno fatto molti progressi da allora. Ci ho inviato uno spartito da sei voci, molto ritmico, mentre la musica corsa non ha una ben definita metrica ritmica, è libera. Hanno lavorato in tre-quattro settimane su questa partizione, avenzando un po' a stento, poi sono arrivato e abbiamo messo a posto la ritmica, molto rapidamente, perché le persone che provengono da musiche tradizionali sono musicisti-nati. Ad esempio, Jean-Luc Geromini, nel gruppo, è un genio musicale. Basta giocare una sola frase a pieno ritmo, egli la ricorda! Ha un senso ritmico impressionante! è una opportunità incredibile di lavorare con persone che lavorano all'orecchio, : vi sembra che la loro interpretazione migliora nel tempo. Più si avanza, tanto più è muovente
. "


Dal 1997 al 2002, A Filetta parte in una dozzina di film (Don Juan, Himalaya l'enfance d'un chef, Le peuple migrateur, Comme un aimant, Le libertin,Serial lover, Scènes de crimes, Harrison's flowers, Vidocq) e svolge numerose tournée in tutto il mondo. Il maggior successo, la musica d'Himalaja (César, Victoire de la musique et disque d'or), sarà dato alle Rencontres di Calvi nel 1999 (senza musica) e nel 2000, con l'orchestra, al "Printemps de Bourges ", e il 11 settembre 2000 al Teatro comunale di Bastia, nel contesto delle XIIes Rencontres Polyphoniques di Calvi.



La collaborazione con Bruno Coulais continua con la creazione, il 22 giugno 2001 di "Toit du Monde" al Festival di Saint-Denis. L'apertura ad altre musiche si è sviluppata "naturalmente", secondo i membri del gruppo. "Il nostro canto è aperto. Tornarci verso gli altri è un bisogno. Condividere, arricchirsi da altre culture è fondamentale, il mondo è completamente mescolato, la Corsica non può rimanere limitata ai suoi confini, è in evoluzione musicalmente e culturalmente ", spiega Jean-Claude.

A Filetta collabora anche con Philippe Léotard (con una commovente "Complainte corse") e Gabriel Yacoub (Jean-Claude Acquaviva ha sempre espresso la sua ammirazione per il gruppo Malicorne).


leotard yacoub



Esperienze, incontre anche : una polifonia per nove voci composta da Bruno Coulais e cantata col gruppo Soledonna, il Salve Regina, composto da Jean-Claude Acquaviva principalmente su testi estratti da Flumen Dei di Anton Francescu Filippini; le parti interessate sono anche A Filetta, gruppi di balagna, Anghjula Dea, U Fiatu Muntese, Alba e Aghja Rossa. Inoltre si è incontrato colla cantante israeliana Noa nelle Musicales de Bastia nel mese di ottobre 2000 ..


.

noa
A Filetta avec Noa - Photo G. Baldocchi


Nel 2002 è rilasciato  «Intantu ». Comprende una paghjella, due estratti dei Cori di Medea, un canto georgiano (Makharia), due creazioni sacri (Sub tuum e Kyrie), tre brani tratti dalla musica di Bruno Coulais per Don Giovanni, una canzone satirica (Cose viste), la ripresa del Anniversariu di Minetta di Tavagna, una monodia (Lamentu di a malata) cantata da Jean-Luc e due canti già incisi: A Paghjella di Impiccati in Una Tarra Ci Hè (non compresa la prima versione con strumenti O Vita ...) e Sumiglia di Ab Eternu. Questo disco suona come un campione dell' identità e del repertorio musicale del gruppo nel 2002 e riflette i concerti, l'atmosfera in meno. Qui più che mai, i sei voci maschili di A Filetta fanno avvicinare canto sacro e profano, semplicità e virtuosismo, tradizione e creazione.




Nel 2003 è rilasciato « Si di mè ».. Realizzato da Bruno Coulais, questo disco è fatto di incontri. A Filetta si apre ad alcuni ospiti, come a quello che ritengono con rispetto come l'antenato : Antoine Ciosi. ( "A l'altru mondu" e "Visioni cari"). Vi è anche il Georgiano Guram Tamazashvili sul struggente "Tbilisi". Anche l'apertura ad altri timbri, altre sensibilità, con entrambe le cantanti Maria Jo Alegrini ( "A dì ti di tù") e Marie Kobayashi ("L'aria"). 16 belle canzoni, quasi tutte composte da Jean-Claude Acquaviva. Questa volta, ognuno dei cantanti ha la possibilità di cantare come solista, ma l'altro non è mai lontano. Gli arrangiamenti di Jean-Claude Acquaviva e Bruno Coulais sono superbe. Intensa emozione in tutti i brani, con particolare riferimento ai testi di Filippini (Memorie e Vision Care), belli da piangere. Con "Si Di Mè", l'ascoltatore scopre altre armonie con musica strumentale moderna combinata con le tecniche tradizionali di canto. Nonostante la fornitura di musica contemporanea, il timbro e il tono isolani rimangono perfettamente evidente a qualsiasi ascoltatore, se inesperti o usati. "Sì di mè, è rivolto a coloro che cantano con noi sul disco, come a coloro che l'ascoltano, poiché questo è sempre importante sentirsi fratelli. Questo disco, purtroppo, non ha beneficiato dell 'udienza che avrebbe meritato, la sua promozione è stata letteralmente sabotato da Virgin.


Il Requiem da St Denis

Nel 2004 Jean-Claude Acquaviva, composa per un ordine del festival di Saint-Denis un Requiem pour deux regards (Di Corsica Riposu), Messa da Requiem per sei voci, con cinque pezzi per violoncello. Testi di Primo Levi e Jorge Luis Borges, detti da Pierre Bertoni, in italiano, in francese o in corso, arricchirono il tutto. Questo lavoro è stato presentato il 17 e 18 giugno 2004 nella Basilica di St Denis e poi il 16 settembre 2004 ai Rencontres de Calvi.

"Il testo di Primo Levi", ha detto Jean-Claude Acquaviva, "è un estratto dal suo libro" Se questo è un uomo", un libro sull'Olocausto che dice: "Ricordo che era." E 'un testo sul dolore e la colpa comune,sul fatto che noi uomini abbiammo fratelli che hanno fatto delle cose turpi ad altri fratelli. I testi di Borges parlano dei limiti della vita, del tempo, della vanità delle cose ".


requiem



Questo Requiem che avevo immaginato qualche anno fa, è stato completamente riscritto per Saint-Denis.
Spesso, capita che un requiem viene scritto per circostanze specifiche a cui si associa un nome o la memoria di qualcuno. Io non ho voluto farlo, perché è il lavoro del gruppo. Allo stesso tempo, dopo aver perso un nipote due anni fa, è morto in un incidente di scooter con un giovane amico - si chiamavano ambedue Nicolas - e con 
Requiem pour deux regards, è a loro che penso. "

Per anni, a Calvi, dove abbiamo creato Passioni e Via Crucis, attraverso la storia di Cristo, abbiamo sempre voluto cantare la storia di ogni uomo che soffre per la sua scelta, il suo impegno, il suo amore. Allo stesso modo, abbiamo voluto che il nostro Requiem sia diverso di testi liturgici, che dia, al di là del sacro, il senso di una perdita infinita. Riportandosi all'uomo ed ai suoi propri limiti e non necessariamente al divino. Questo è il motivo per cui abbiamo inserito i testi che parlano dell' uomo in quello che hà di più banale." Questa è la visione "laica" della religiosità proposta dal gruppo:" Vi è la liturgia, a cui si crede o no; dopo, vi è la realtà della vita che finisce, è un grande dolore, un buco per coloro che rimangono e che soffrono dall'assenza. Abbiamo voluto rendere questa idea allora. "  
"Abbiamo sempre voluto cantare la storia di ogni uomo che soffre per la sua scelta, il suo impegno, il suo amore", ha confidato Jean-Claude Acquaviva al suo arrivo a Saint-Denis nel 2004. Per lui, l'intensità che sentiamo ascoltando canti come Requiem non significa un registro triste o vicino alla morte. "Con i risultati della letteratura contemporanea, abbiamo voluto dare una dimensione più umana, non solo legati alla nozione dei cieli. Il violoncello collabora con il narratore, è lo strumento che più si avvicina alla voce umana e porta un sacco a questo requiem, un aspetto grave e austero, ma anche a volte più leggero. Questo requeim s'inserisce nel percorso del gruppo, perché contiene elementi ereditati dalla musica tradizionale, ma non solo questi. Si nutre d'influssi diversi perchè abbiamo istituito numerosi contatti con venti anni di tradizioni orali d'altrove ".

Una nuova corda all'arco di a Filetta: Il Teatro


dghj


Il 3 luglio 1999 sotto la direzione di Orlando Forioso, A Filetta aveva osato l'impegno teatrale con Don Ghjuvanni in Commedia dell 'Arte, divertente commedia scritta con Marcellu Acquaviva su musiche di Bruno Coulais. Lo spettacolo dato nei fossi di Fort Charlet a Calvi per l'apertura del Festivoce 99 comprende sei cantanti di A Filetta nel ruolo di una troupe di attori itineranti, attori dell' associo italiana Ars Nova, e Fernando Panullo, Marcello Colasurdo, Marie Kobayashi e Orlando Forioso  nel ruolo di un oste. La scenografia è fornita da Toni Casalonga che crea un'atmosfera evocando un villaggio corso del quindicesimo secolo.

orlando


Questa collaborazione con Bruno Coulais e Orlando Forioso continua nel 2002 con Il Gioco di Robin e Marion, molto libero adattamento (in italiano) da Robin Hood. Il tessuto di quest'opera ha le sue radici nei miti infantili : la principessa Marion, prigioniera del cattivo sceriffo di Nottingham, spera che il suo innamorato Robin, difensore degli umili, verrà per liberarla. L'universo è onirico: la principessa è rinchiusa in una grande gabbia da uccelli e il castello si trasforma in una foresta ...


gioco


L'opera viene eseguita dall' Orchestra di Cannes, diretto da Alain Joutard, con i cantanti Marie Kobayashi e Jean-François Ercolani e un coro di 400 scolari della Corsica. Questo progetto è per Alain Joutard  "il modo più efficace per portare i bambini alla musica nella sua gamma la più diffusa, dall' unisuono alla musica polifonica con una musica d'essenza popolare, lirica, cinematografica, ricca ed aperta, all'immagine del compositore." Lo spettacolo, con scene e costumi creati da Toni e Jérôme Casalonga, è stato dato in origine i 24, 25 e 26 maggio 2002 presso il teatro a Nizza, i 8 e 9 giugno 2002 al Palais des Festivals di Cannes, il 15 giugno al Cannet . Si riprenderà all' Opéra municipal de Bastia i 9 e 10 maggio 2003.
Si può ascoltare un esempio, L'aria, in Si di mè, e l'intero spettacolo è stato trasmesso da France 3 Corsica.

Nel 2005, A Filetta compone le musiche per "Fantastica, Grammatica della fantasia", messa in scena da Orlando Forioso sulla base di testi di Gianni Rodari. Quest'opera, eseguita più volte da bambini di Calvi, doveva chiudere le 17e Rencontres Polyphoniques. Purtroppo, il tempo non ha permesso di giocare l'opera all'aperto. Le canzoni sono state cantate da A Filetta nella Cattedrale, senza gli attori. Questo spettacolo molto comico dovrebbe essere presentato a Calvi nel 2007 e registrato.


Marco Polo

Nei primi mesi del 2006, A Filetta ritroverà Bruno Coulais e Orlando Forioso per Marco Polo, un'opera che sarà presentata prima a Bastia e poi a Venezia, nell'ambito della Biennale, con Guillaume Depardieu.

Colomba

Orlando Forioso presenterà nel mese di maggio 2007 una Colomba rivisitata, vicina dalla tragedia greca. Per questo spettacolo, di cui lapremière si svolgerà a Bastia il 5 maggio 2007, Orlando combina teatro, recitativo e canto, e mescola le lingue : l'inglese, il francese, l'italiano e il latino alternano in questo grande spettacolo popolare.

La Danza: In Memoriam

Il 26 dicembre 2004, A Filetta è anche coinvolto in Monte Carlo per la creazione del balletto "In Memoriam" da Sidi Larbi Cherkaoui. Assenza, presenza, radici, passato, presente : il balletto, che ruota intorno a questi temi, è stato ispirato dalle voci di A Filetta.

 

cherkaoui


"Quando ho iniziato a pensare alla musica di questo balletto, mi stavo chiedendo con chi sognerei di lavorare. Era A Filetta. È una musica che conoscievo già da quattro anni, e davvero volevo fare un giorno qualcosa con loro.
In uno dei miei precedenti spettacoli, abbiamo lavorato su antichi canti polifonici, del decimo e del tredicesimo secoli. Per il warm up, mettevamo sempre lo stesso CD : era "Intantu" di A Filetta.
Poi, ho cercato tutti i loro altri album, ho cercato di seguire ciò che facevano, mi sono recato ai loro concerti. È una musica che mi tocca profondamente, e ho costruito la mia piccola storia su questa musica. "


   inmemoriam
Crédit photo : Franz Chavaroche


"Siamo stati lieti che Sidi Larbi ci abbia chiamato, perché è una nuova avventura", dicerà Jean-Claude Acquaviva. "Abbiamo realizzato molte cose in diversi settori e, ad eccezione di Medea, che unisce il canto, il teatro e la danza, non avevamo mai partecipato a un balletto. Siamo stati sorpresi e felici di vedere come Sidi Larbi ha percepito quello che sta succedendo tra di noi quando cantiamo. La sua coreografia veramente ci ha colpiti. I nostri canti , provenienti dalla memoria e liturgia cristiana, che esprimono la passione e il dolore, sono trasposti alla danza con una splendida estetica. "

Estratti dello spettacolo sono presentati nuovamente a Monaco il 12 e il 13 agosto 2006. Jean-Claude ci confiderà in quest'occasione la sua ammirazione per il coreografo, ma anche cantante e musicista: "Egli sa a memoria tutte le nostre canzoni, e quando abbiamo fatto la prova, abbiamo cantato U Sipolcru un mezzo tono più alto che nella versione del disco. Beh, l'ha notato e ci ha chiesto di ripetere, come sul disco! A volte canta la terza con noi ... "
Il risultato di quest'incontro, pieno di bellezza, di emozione e di grazia, è un successo clamoroso.

inmemoriam
Crédit photo : Laurent Philippe
inmemoriam
Crédit photo : Laurent Philippe
Et en 2007, pour sa première création au Théâtre de la Monnaie à Bruxelles, Sidi Larbi Cherkaoui fait de nouveau appel à ses amis d'A Filetta.

apocrifu
monnaie apocrifu

Le 14 juillet 2012, Sidi Larbi Cherkaoui est en Avignon pour un nouveau projet : Puz/zle.
(voir la page dédiée à Sidi Larbi Cherkaoui)



E ancora Medea ...

Nel febbraio 2005, il gruppo realizza un vecchio progetto: la registrazione del intero coro composto nel 1997 per la Medea. I cori di Medea sono presentati a Parigi come parte della Nuit Blanche il primo ottobre 2005 nella Cour Marly del Louvre. Il disco è stato rilasciato nel giugno 2006.

medea

medee



E il jazz !

Ottobre 2006, « L’Aghja », un piccolo teatro ajaccino festeggia i suoi 20 anni. Per l'occasione, Francesco Aïqui, il suo direttore, regista e appassionato di jazz, ha deciso di unire jazzisti e polifonisti corsi. Nascerà un altro incontro miracoloso, quello del trombettista sardo Paolo Fresu e del bandoneista italiano Daniele Di Bonaventura. Un primo progetto, Mistico Mediterraneo, presentato alle Incontri di Calvi, si tradurrà in un disco registrato per la ECM nel 2010.

Dopo questo successo e diverse decine di concerti, tutti decidono di perseguire la strada comune. Questa volta si tratta di un lavoro musicale e vocale sul tema dei punti di vista di due uomini, due isole, due esseri eccezionali, che hanno segnato il 20° secolo: Aimé Césaire, scrittore, poeta, drammaturgo originare di Martinica e Jean Nicoli, insegnante, resistente, giustiziato nel 1943 a Bastia dagli occupanti fascisti italiani. In comune, questi due uomini hanno il loro impegno politico, l'umanesimo, in particolare, attraverso il loro giudizio sul colonialismo.

Voce, tromba e bandoneon di nuovo intrecciano, in modo che corso e italiano, insieme, celebrare i pensatori brillanti che hanno contribuito a forgiare l'identità e la storia turbolenta dei nostri territori.

Conversation(s) entre l'Orient et l'Occident

Da una parte l'affascinante ed intima voce di Fadia Tomba El-Hage, dall'altra quelli di A Filetta.

Fatti incontrare per la prima volta dal coreografo Sidi Larbi Cherkaoui per il suo show Puz / zle presentato nel 2012 nel Festival di Avignone è su richiesta di un altro festival, l'Ile-de-France, che gli artisti hanno immaginato questo concerto.

Canto a cappella appare qui in tutta la sua purezza. Canzoni profane e sacre, eseguite in corso, arabo o siriaco, si uniranno due mondi e due tradizioni musicali che osmosi risultato di un primo e di un perfetta complementarità tra gli artisti interpreti.

Se ognuno di loro mantiene la sua specificità, queste conversazioni si aprono spazi immaginari che emergono dolcemente attraverso la voce melismatiche e francobolli di fusione.

Da questo incontro nasce una simbiosi unica, una chiara polifonia, armonia senza tempo e poetico insieme in uno stesso spirito directory della Corsica e orientale.

"A Filetta è un gruppo polifonico cantando con una sola voce, per Fadia, solo lei canta come un intero coro. Quando si ascolta insieme, ci sembra di sentire l'intero pianeta "Sidi Larbi Cherkaoui


Aghju sunniatu qualchi volta è più à un antivistu mondu senza strade. Alta felicitai?


bkjl bkjl
Photos Brigitte Kühn aimablement communiquées par Gerda-Marie Kühn


La composizione del gruppo

Quali sono le basi d'assunzione nel gruppo? La passione per questa forma d'espressione, naturalmente, la qualità della voce, naturalmente, ma anche e forse soprattutto, qualcosa d'indefinibile, una miscela di solida amicizia e di profondo rispetto per gli altri.
"La polifonia è l'incontro di diverse voci in perfetta armonia. Io non pretendo che abbiamo sempre raggiunto l'obiettivo a cui tendiamo. Ma sono certo che per raggiungere una perfetta armonia, una perfetta osmosi tra tutti gli interessati è essenziale. "(Jean Sicurani)

"È 'un canto in cui ciascuno è pienamente responsabile per quello che offre, ma allo stesso tempo totalmente dipendente e partecipe di ciò che danno gli altri. Senza l'esistenza di un legame molto forte e molto speciale tra di noi, nessun buon risultato può essere ottenuto nella durata. "(Jean-Claude Acquaviva)

Questo legame di qualità eccezionale è s’utilizza e si rafforzato nello steso tempo sia nella ricerca collettiva da A Filetta di arrangiamenti musicali di canti tradizionali, che nelle creazioni. Queste ultime partono da un testo scritto da Jean-Claude Acquaviva, dal suo fratello Marcellu o da altri autori dell'isola, anziani (Filippini) o contemporanei (Rinatu Coti, Ghjuvan-Teramu Rocchi). Nate dall’antica cultura basata sulla tradizione orale, la loro messa in musica da Jean-Claude non è soggetta a nessuno spartito. Testi e melodie sono registrati "all’orecchio" da ogni membro del gruppo prima di studiare ed eseguire il lavoro : s’ascoltando tutti insieme attentamente, ognunu evitando di dominare il tutto, tutti tesi alla ricerca comune della perfetta armonia delle loro voci.


La lista di tutti quelli che hanno partecipato all'avventura di A Filetta :

Membri fondatori :
Michel Frassati,
Tumasgiu Nami,
Dédé Nobili,
Jean-Claude Acquaviva,
Jean Sicurani,

Poi, nell' ordine alfabetico :
François (Ceccè) Acquaviva,
Jean Antonelli,
François Aragni,
Daniel Berti,
Pierre Bertoni,
Stéphane Casalta,
François Croce,
Natale Ferricelli,
José Filippi,
Eric Fino,
Jean Yves Franceschi,
Jean-Luc Geronimi,
Nonce Giacomoni,
Stéphane Giannecchini,
Paul Giansily,
Tony Guidicelli,
Christian Johanenc,
Yves Leccia,
Jef Leschi,
Jean Luciani ,
Christian Magdelene,
Antoine Mariotti,
Philippe Mariotti,
Maxime Merlandi,
Paul Félix Nasica,
Henri Olmeta,
Francis Palmari,
Battì Paoli,
Bernardu Pazzoni,
Jean Marc Pellegri,
Jean Luc Raclot,
Valérie Salducci,
Benedettu Sarocchi,
Stéphane Serra,
Jean Philippe Tomi,
Félix Travaglini (Felì),
Maxime Vuillamier

Più quattro musicisti chi hanno accumpagnato il gruppo durante qualche anno per "Una tarra ci hè" : Anne-Lise Herrera , Isabelle Escanez , Jean Michel Giannelli e Paul-Antoine de Rocca Serra.

Il gruppo attuale è questo : Jean-Claude Acquaviva, portavoce del gruppo, siconda e terza, Jean Sicurani, siconda e bassu, François Aragnii, chi raggiunse lo gruppo nel 2014, siconda e bassu, Paul Giansily, siconda e terza, arrivato nel 1984, Maxime Vuillamier, bassu (1989), e infine Stéphane Serra, siconda e terza, chi a raggiunto lo gruppo in 2014. Ai quali bisogna aggiungere l'onnipresente Valérie Salducci, alla volta regista, tecnica delle luci, amministratore...


 

 

 

Aghju sunniatu qualchi volta è più à un antivistu mondu senza strade. Alta felicitai?






AF2014



L'inserzione del gruppo nella vita locale

A Filetta s'est depuis toujours profondément investi dans la vie locale. En témoignent non seulement l'action accomplie avec U Svegliu Calvese autour de la Passion, du Via Crucis et des Rencontres Polyphoniques, mais également tout le travail accompli avec le milieu éducatif à travers des interventions dans les écoles et les spectacles Il Gioco di Robin e Marion et La Grammaire de l'imagination. On retiendra aussi le projet "creazione, canti e incontri" réalisé avec le centre culturel "Una Volta" de Bastia, autour d'un travail pédagogique vers les enfants avec le groupe Soledonna.

svegliu svegliu

 

max
Corse matin du 06/04/2006 - Article communiqué par Françoise Coulomb




globe

Qu’ils chantent les choeurs antiques de Médée ou écrivent pour Bruno Coulais, l’âme de leur polyphonie est toujours au rendez-vous. Héritier d’une tradition forte mais intéressé au mouvement du monde, l'ensemble A Filetta n’est pas de ces formations ancrées dans le passé.

"Avec une rigueur toujours plus sûre, A Filetta va de concerts en disques imposer une vision tout à la fois ardente et sereine des chants sacrés et profanes qui constituent peu à peu son répertoire. Chants de tradition et de création se mêlent, hymnes à la langue et à la culture de l’île, mais aussi appels vers d’autres horizons." (Philippe-Jean Catinchi)

 


haut de page accueil 

A Filetta


Il sito web officiale di A Filetta :

www.afiletta.com

Per prendere contatto direttamente con A Filetta :

Contact A Filetta :
contact.afiletta@gmail.com

Contact scène :
Tél : 06 29 45 31 13

Le pagine di "L'Invitu" :

   testimonianze    attualità (in francese)   canti    cronologia    discografia    interviste    galeria foto

I concerti

Ogni anno, da 40 000 a 45 000 persone vengono per ascoltare un concerto di A Filetta. Questi concerti sono annunciati sulla pagina "agenda". È inoltre possibile visitare il sito ufficiale del gruppo.

Ritrova la memoria di alcuni di questi momenti consultando le pagine "concerts" (concerti) in francese :


Galeria foto

Finalmente in linea, le fotografie prese al filo dei concerti di A Filetta dove sono stato.
Incomincia qui.

Il mio libro su A Filetta :


livre

Corsicamania, l'annuaire des sites corses

Valid XHTML 1.0 Strict